MARKTHALLE, IL MERCATO IX DI KREUZBERG

5 (100%) 1 vote

Nel quartiere di Kreuzberg c’è un mercato coperto che ogni giovedì propone una fiera del cibo di strada. Stiamo parlando del Markthalle IX, il mercato del quartiere di Kreuzberg, che grazie ad una ristrutturazione durata anni, dal 2011, è sede di una vivace platea di bancarelle di espositori e venditori di frutta che tutti i venerdì e sabato, animano il mercato. IMG_3319_wochenmarkt_in_berlin_kreuzbergI prodotti sono verdura e frutta che provengono da coltivazioni locali e cioè da zone limitrofe alla città. Questa rivalutazione e rinascita del mercato è dovuta al forte impegno di tre giovani, Bernd Maier, Florian Niedermeier e Nikolaus Driessen che dopo una forte resistenza, con volontà e convinzione, hanno permesso la sopravvivenza di questo mercato. Negli ultimi anni dell’Ottocento, Berlino viveva un felice momento economico e politico che calamitò molta gente verso la città che vide aumentare considerevolmente la sua popolazione. Markthalle_F_Anthea-Schaap9_jpg_4690048A tale tendenza seguì l’esigenza di servire quest’ulteriore e crescente utenza, dovendo così creare, opportuni luoghi di vendita delle merci e soprattutto degli alimenti, anche per motivi di igiene pubblica. A questa necessità venne incontro l’autorità cittadina che commissionò a due architetti, Hermann Blankenstein e August Lindemann, di creare una rete di mercati organizzati nella città, di modo che tutti i venditori, ambulanti e non, postessero avere un luogo fisso di riferimento per vendere in condizioni migliori. Furono, quindi, costruiti 14 mercati coperti che servivano il nucleo urbano nella maggior parte dei quartieri della città. Nel tempo però gran parte di essi non ebbero vita felice e la maggior parte furono chiusi o distrutti in seguito alla guerra o all’incuria negli anni. Tra essi, comunque, alcuni ebbero miglior fortuna. Quattro di questi mercati sono riusciti a resistere nel tempo; un esempio di longevità è rappresentato dall’Arminushalle nel quartiere di Moabit che esiste da oltre 112 anni. Altri due di questi mercati (che erano tutti identificati con un numero), il 6 e l’11, sono stati assorbiti da centri commerciali o supermercati che ne hanno cambiato profondamente l’aspetto. Quello di Kreuzberg, il numero 9, dopo alcune vicende che lo vedevano a rischio chiusura, è rinato grazie appunto agli sforzi di alcuni giovani che hanno fortemente voluto la sua sopravvivenza. Nigerian-Food-FufuDa qualche anno, quindi, questo mercato rivive il meritato splendore che per qualche tempo aveva perso e rischiava di non avere più. L’attrazione maggiore di questo mercato è, appunto, il festival di sapori e colori che viene messo in scena ogni giovedì dalle 17 del pomeriggio fino alle 22. ceviche-alta1Le delizie e le specialità alimentari provengono da tutto il mondo. Una kermesse culinaria che, sotto le arcate del mercato, attraversa tutto il globo. In esposizione tutte le varietà dei formaggi tedeschi, tacos messicani, il fufu nigeriano, il ceviche peruviano; esiste anche, all’interno di esso un birrificio artigianale, un caffè con particolari piatti e un panificio con prodotti ricavati da farine italiane. Insomma un bell’ambiente con ottimi prodotti che consigliamo di andare a visitare, qualora, vi troviate a Berlino e, dove, oltre a deliziare il palato si può assaporare anche l’aspetto multietnico e culturale della città stessa.

REDAZIONE
@lavocediberlino.info


Related posts

Leave a Comment

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image